venerdì 24 febbraio 2012

PASTA MADRE 2° puntata


... e dopo averla coccolata per 48 ore, ecco arrivato il momento del rinfresco, un po' come quando, dopo un sonno ristoratore, sentiamo il bisogno di una doccia e di un buon caffè per ripartire. Così è capitato anche con la mia pasta madre, che ho davvero curato in questi due giorni, evitando di farle prendere correnti d'aria e verificando che il telo fosse sempre un po' umido per non farla seccare, perchè chi ben comincia è a metà dell'opera, no?!

INGREDIENTI
impasto precedente 200 g
farina di kamut (o farina 0) 200 g
acqua tiepida 100 g

Stemperare l'impasto precedente (che si era leggermente gonfiato) nell'acqua tiepida, aggiungere la farina e proseguire coma la volta scorsa. Questa operazione si chiama appunto "rinfresco", e deve essere ripetuta per almeno una/due settimane, ogni 48 ore, quando pare che la pasta madre riesca a raddoppiare il suo volume in 4 ore circa.




Questa è la mia nuova pasta madre pronta a riposare per le prossime 48 ore, quando la dovrò risvegliare dolcemente...

5 commenti:

  1. Durante queste operazioni va conservata in frigorifero? Scusa la mia domanda ingenua, fino ad ora me la sono sempre fatta regalare già pronta e ...haimè l'ho anche fatta morire.

    RispondiElimina
  2. Tu sei troppo brava con questa pasta... non so se potrei provarci, ma sono in verità molto tentata. Vedrò... Grazie Lara

    RispondiElimina
  3. La pasta si tiene a temperatura ambiente, in cucina va benissimo. In frigorifero andrà solo quando sarà pronta. Per ingolosirvi ulteriormente vi dico che la mia pasta è già bellissima oggi, dopo un solo rinfresco!

    RispondiElimina
  4. Detto da te sembra così facile...mi piace molto.

    RispondiElimina
  5. Che pazienza che hai... io ancora nn mi sono decisa a farla!
    Un abbraccio e buona giornata, Chiara

    RispondiElimina